cck

Iscriviti al KolbeNews



14gen2020

CORSO | Salvaguardia e buon uso delle corde vocali

posted by artistocratik in artistocratik on 26/10/2019

La proposta che si intende presentare consiste nella realizzazione di un corso di dizione e lettura ad alta voce per chi utilizza troppo le proprie corde vocali; detto corso, tenuto da Massimo D’Onofrio,
esperto di recitazione e lettura ad alta voce del quale si allega il curriculum, ha la finalità di fornire le adeguate competenze e consapevolezza nell’uso dell’apparato fonatorio, strumento fondamentale per chi utilizza molto la propria voce, al fine di prevenire un uso sbagliato delle corde vocali ed il rischio di conseguenze assai problematiche anche per la salute. Inoltre si intende consentire ai partecipanti di migliorare la propria capacità di parlare e leggere in pubblico, evitando soprattutto i facili cali di attenzione dell’uditorio e/o l’affaticamento della voce.
Si insegneranno perciò le tecniche di base per una corretta respirazione ed uso del proprio diaframma, le regole fondamentali per una giusta dizione e per eliminare cadenze dialettali e monocordi (pericolo mortale soprattutto per insegnanti, aspiranti attori e lettori e conferenzieri!), i primi rudimenti per una
buona lettura recitata ad alta voce.
Questa proposta si concretizza nell’allestimento di un corso che prevede 10 lezioni, della durata di un’ora e mezza ciascuna, così suddivise:
4 lezioni dedicate alle tecniche di respirazione e di ortoepia (dizione);
3 lezioni di primi rudimenti di lettura recitata e giusta tonalità;
3 lezioni dedicate alle prove per un piccolo saggio finale (che si terrà nell’ultima lezione) che coinvolgerà i partecipanti al corso.

Obiettivi che si vorrebbero realizzare:
1) fornire le adeguate competenze e consapevolezza nell’uso dell’apparato fonatorio, al fine di prevenire un uso scorretto delle corde vocali ed il rischio di conseguenze assai problematiche
anche per la salute;
2) consentire ai partecipanti di migliorare la propria capacità di parlare e leggere in pubblico, evitando soprattutto i facili cali di attenzione dell’uditorio e/o l’affaticamento della voce;
3) migliorare l’espressività e la creatività nell’oratoria e nella narrazione.